TAG

Vibrazioni

ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI

Rischio vibrazioni
Esempio rischio vibrazione mano-braccio


L'elasticità variabile che ogni materiale assume in funzione dello stato di aggregazione  è proprio di ogni sostanza che lo compone. Un materiale è soggetto a un moto oscillatorio quando viene perturbato esternamente , rispetto alla situazione di equilibrio, tale forza perturbante genera le vibrazioni meccaniche.
E' possibile differenziare le vibrazioni, sotto il profilo fisico, in funzione della frequenza, della lunghezza d’onda, dell’ampiezza, della velocità e dell’accelerazione.
In relazione alle lavorazioni, è possibile distinguere due criteri di rischio: il primo interessa le vibrazioni con bassa frequenza (si riscontrano ad esempio nei conducenti di veicoli), il secondo interessa quelle con alta frequenza (con riscontro nelle lavorazioni che utilizzano attrezzi manuali a percussione).

Relativamente al rischio per la salute, la pericolosità delle vibrazioni dipende dalle caratteristiche e dalle condizioni in cui vengono trasmesse: estensione della zona di contatto con l’oggetto che vibra (mani, piedi, glutei,....), frequenza della vibrazione, direzione di propagazione, tempo di esposizione.

Gli effetti nocivi interessano nella maggior parte dei casi, sulla base di dati statistici, le ossa e le articolazioni della mano, del polso e del gomito; sono anche facilmente riscontrabili affaticamento psicofisico e problemi di circolazione.

Sono prescritte specifiche metodiche di individuazione e valutazione dei rischi associati all'esposizione a vibrazioni del sistema mano-braccio (HAV) e del corpo intero (WBV) con specifiche misure di tutela.

Sono individuati precisi limiti di esposizione massima e valori d'azione giornalieri normalizzati.
L'art.202 inoltre individua nel datore di lavoro il soggetto deputato ad effettuare le verifiche sull'entità delle vibrazioni e fa obbligo allo stesso datore di predisporre le misure di carattere tecnico-organizzativo per la riduzione del rischio per i lavoratori esposti a vibrazioni superiori ai valori di azione.
Aquarius Consulting offre un'analisi vibrazionale completa in conformità a quanto prescritto dalla nuova normativa, aiutando nell'individuazione di possibili soluzioni per l'adeguamento nel caso in cui i limiti imposti non vengano rispettati.

- Testo Unico Sicurezza D.Lgs. 81/08, Titolo VIII, Capo III -
Rischio Vibrazioni  

Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio

Livello d'azione giornaliero di esposizione
A(8)= 2,5 m/s2

Valore limite giornaliero di esposizione
A(8)= 5 m/s2
Valore limite di esposizione
A(brevi periodi)= 20 m/s2
 
Vibrazioni trasmesse al corpo intero
 
Livello d'azione giornaliero di esposizione
A(8)= 0,5 m/s2

Valore limite giornaliero di esposizione
A(8)= 1,0 m/s2
Valore limite di esposizione
A(brevi periodi)= 1,5 m/s2